La Notte del Blackout ovvero Alice nel Paese delle Meraviglie

Un’Alice dei giorni nostri che si perde nel buio, in un prato di plastica disseminato di enormi arance sintetiche.



scritto e diretto da Franco Rossi
con la collaborazione di Roberto Alinghieri, Riccardo Monopoli, Francesco Cortopassi, Lisa Fontana, Piera De Angeli, Marco Brinzi, Costanza Santini
musiche originali di Franco Rossi e Giulio S. Rossi
luci di Franco Rossi
aiuto tecnico e organizzazione Stefania Gatti
video di Marco Pedri e Akio Takemoto
foto di Akio Takemoto


I protagonisti di questa storia parlano un linguaggio banale e televisivo, un linguaggio comico e minaccioso, intriso di una violenza sotterranea e latente. Essi s’incontrano e si perdono parecchie volte nell’arco di una notte e quando si ritrovano non si riconoscono, condannati al totale disinteresse l’uno nei confronti dell’altro, devono raccontare continuamente. Un umanità senza speranze in preda a paure irrazionali e superstiziose.

La piece è ispirata alla storia vera di una ragazza albanese sbarcata in Italia la notte del blackout 2003 e racconta di un’Alice dei giorni nostri: una ragazzina che, pensando di trovare il paese delle meraviglie, si perde nel buio, in un prato di plastica disseminato di enormi arance sintetiche dove su tutto troneggia una palma luminosa immune al blackout. In questo luogo, regno della Regina delle arance, Alice incontrerà diversi personaggi strani che le offriranno uno spaccato di mondo non tanto attraente. I personaggi di L. Carroll, qui attualizzati, sono sorprendentemente reali.